Alberta, Canada l’avventura chiama

ManuelaTips  > VIAGGIANDO >  Alberta, Canada l’avventura chiama
4 Comments

#WELCOMETO

La matematica non è un’opinione, a volte capita che anche la bellezza non lo è. Siamo in Canada, un paese grandissimo con una varietà ambientale che lo rende uno degli scenari naturali tra i più rari e incontaminati al mondo. Grazie alla presenza di tanti laghi, parchi naturali, montagne, una fauna selvatica ricchissima il Canada è un paese fortemente ecologico; la stessa Greenpeace è stata fondata proprio qui a Vancouver. Lo stato comprende 10 province e 3 territori che si trovano all’estremo nord. Una di queste bellissime province è quella di Alberta posta nella parte occidentale del paese, confinante con lo stato americano del Montana.

La maestosa bellezza naturale dell’Alberta è facile da vedere, eppure c’è molto di più di quanto sembri. Nascosti ma al tempo stesso in in bella vista tra gli spazi protetti di questa provincia canadese occidentale ci sono le storie, i manufatti e le tradizioni delle Prime Nazioni, dei Métis e dei popoli indigeni Inuit; esploratori europei; commercianti di pellicce; agricoltori, tutti hanno lasciato un’impronta arrichendo l’affascinate storia umana di questa provincia.

Dalle praterie e alle Montagne Rocciose canadesi dell’Alberta, creando paesaggi culturali che ispirano curiosità e meraviglia, resterete senza fiato.

Uno di questi paesaggi culturali è Writing-on-Stone / Áísínai’pi, patrimonio mondiale dell’UNESCO, uno dei sei in Alberta. Il parco si trova nelle alte praterie della Milk River Valley, nel sud dell’Alberta. Spettacolari formazioni di arenaria, scogliere e hoodoos – fantastiche guglie di roccia scolpite dall’acqua e dal vento – dominano il paesaggio. Per secoli, i popoli indigeni hanno inciso e dipinto le loro esperienze e visioni sull’arenaria, lasciando una straordinaria eredità di immagini spiritualmente cariche incastonate nella roccia.

La magia nei misteri è qualcosa di difficile da spiegare, semplicemente si crede che questo sito ancestrale colleghi il mondo fisico con quello spirituale. Gli spiriti degli antenati vivono ancora qui, si aggirano tra gli hoodoos ma quest”essenza di vita può essere percepita solo lì, direttamente sul posto, in piedi nell’arenaria dove il vento, gli uccelli e tutti gli elementi naturali hanno così tanto da raccontare.

In queste zone i bisonti hanno contribuito a mantenere l’ecosistema delle praterie, hanno fornito sostentamento ai nativi e per fortuna sono stati salvati dall’estinzione a partire dal 1900. Nella parte centrale dell’immenso Canada sorge il Parco naturale Wood Buffalo National Park, uno dei parchi più belli e visitati di tutto il Paese. Si tratta del Parco naturale più grande del Canada, nata per proteggere la più grande mandria di bisonti americani in libertà del mondo. Il Wood Buffalo National Park ospita la più grande concentrazione di bisonti di legno, una specie in via di estinzione con meno di 1.000 animali selvatici lasciati prima del 1900. Questo patrimonio mondiale dell’UNESCO è il parco più grande della nazione ed è anche sede del più grande delta interno del mondo, che si trova sulle rive dei fiumi Pace e Athabasca.

#Calgary

Alberta, la più grande delle tre province di praterie del Canada, contiene una grande porzione delle Montagne Rocciose, l’emozione de vecchio e selvaggio West si può rivivere anche qui. Indossate un paio di stivali e preparatevi per una corsa sfrenata, fate emergere l’anima cowboy che è in voi durante il Calgary Stampede. Il Calgary Stampede è un rodeo, una mostra e un festival che si tiene ogni anno a luglio a nella città. L’evento di dieci giorni che si autodefinisce “The Greatest Outdoor Show on Earth“, attira oltre un milione di visitatori all’anno e presenta uno dei più grandi rodei del mondo, spettacoli teatrali, concerti, concorsi agricoli, corse di chuckwagon e mostre delle First Nations.

Alberta, la più grande delle tre province di praterie del Canada, contiene una grande porzione delle Montagne Rocciose, l’emozione de vecchio e selvaggio West si può rivivere anche qui. Indossate un paio di stivali e preparatevi per una corsa sfrenata, fate emergere l’anima cowboy che è in voi durante il Calgary Stampede. Il Calgary Stampede è un rodeo, una mostra e un festival che si tiene ogni anno a luglio a nella città. L’evento di dieci giorni che si autodefinisce “The Greatest Outdoor Show on Earth“, attira oltre un milione di visitatori all’anno e presenta uno dei più grandi rodei del mondo, spettacoli teatrali, concerti, concorsi agricoli, corse di chuckwagon e mostre delle First Nations.

Saliamo in macchina, accendiamo il navigatore e il nostro gps indica Icefields Parkway, collegando Lake Louise con Jasper, questo è uno dei viaggi on the road più belli del pianeta. Un tratto di 232 km di autostrada a doppia corsia che si snoda lungo il Continental Divide attraverso svettanti vette rocciose, distese di ghiaccio e vaste vallate. Durante il viaggio soffermatevi a contemplare la bellezza mozzafiato dei famosi paesaggi canadesi. Le valli sconfinate, gli antichi ghiacciai, le montagne spettacolari e le cascate che precipitano da pinnacoli rocciosi su laghi color smeraldo in questo straordinario itinerario panoramico.

Godetevi lo splendore strabiliante di un cielo notturno stellato al Jasper National Park, sede dell’annuale Jasper Dark Sky Festival. La notte del cielo è il vero protagonista, l’inquinamento luminoso ridotto e super controllato regala una visione spettacolare delle stelle, della Via Lattea e, durante i mesi invernali, perfino dell’aurora boreale. Ogni anno ad ottobre si svolge nel parco il Jasper Night Sky Festival, che richiama appassionati delle stelle, astronomi, sostenitori della necessità e della grandissima importanza di preservare l’ambiente notturno; il tutto accompagnato da eventi gastronomici e concerti sotto le stelle.

Situato a 4 ore di strada da Edmonton e a 5 da Calgary, il Jasper National Park è un’ampia area protetta dove potrete mettere in pratica la vostre capacità outdoor: in estate hiking o bicicletta, in inverno dallo sci alle escursioni con le racchette da neve fino all’arrampicata sul ghiaccio. Unico per i suggestivi paesaggi delle Montagne Rocciose Canadesi, gli incantevoli laghi alpini e i magnifici tramonti, il parco resta una tappa imperdibile.

Per secoli, le popolazioni indigene hanno vissuto ai piedi e nelle foreste delle Montagne Rocciose, cacciando bisonti e altri animali di grossa taglia, pescando e catturando. L’area che ora è il Parco Nazionale di Banff era anche un luogo sacro dove venivano raccolte le medicine e si cercavano le cure nelle sorgenti termali naturali. Dopo i primi contatti con gli europei nel XVII secolo, gli indigeni iniziarono a commerciare pellicce, pelli e carne fresca con coloni ed esploratori europei nel XVIII secolo. Con una profonda conoscenza del terreno accidentato, erano anche preziose guide per commercianti, esploratori, periti ferroviari e governativi e missionari.

#justbanff

Banff è stata fondata nel 1880, ma a differenza di molte altre città di montagna nate come insediamenti minerari, questa cittadina era già proiettata verso il turismo.. Durante il 1870, iniziò la costruzione dell’ambiziosa Canadian Pacific Railway, una ferrovia da costa a costa attraverso il Canada. Il percorso pianificato tracciato attraverso la Bow Valley nelle Montagne Rocciose canadesi. Fu lì, a “Siding 29”, che tre lavoratori della Canadian Pacific Railway nel 1883 si imbatterono in una serie di sorgenti termali naturali su quella che oggi è chiamata Sulphur Mountain.

Le sorgenti termali di Cave and Basin sono state rapidamente identificate come una potenziale attrazione turistica calda. Rivendicazioni contrastanti da parte degli “scopritori” delle sorgenti cominciarono a minacciare il sito, queste contraddizioni spinsero il governo canadese nel 1885 a creare una riserva per proteggere le sorgenti e l’area. Ingrandito nel 1887 e chiamato “Rocky Mountains Park of Canada” (in seguito ribattezzato Banff National Park), è stato il primo parco nazionale del Canada e il terzo al mondo.

Da allora, Banff & Lake Louise hanno continuato ad attrarre viaggiatori da tutto il mondo per le stesse ragioni che hanno attirato quei primi visitatori: il facile accesso a montagne, laghi e valli mozzafiato. Nel 1984, il Parco Nazionale di Banff è stato incluso tra i “Parchi delle Montagne Rocciose Canadesi” Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, riconoscendo la sua “eccezionale bellezza naturale” e “il suggestivo paesaggio montano”.

Alberta, Canada

“Per me esiste solo il cammino

lungo sentieri che hanno un cuore,

E qui io cammino

guardando,

senza fiato…”

(Carlos Castaneda)




4 thoughts on “Alberta, Canada l’avventura chiama”

Comments are closed.