San Diego, città ricca di storia ma con uno sguardo al futuro

ManuelaTips  > ESPERIENZE >  San Diego, città ricca di storia ma con uno sguardo al futuro
4 Comments

Questo viaggio è un inizio. La metropoli di cui vi parlerò è essa stessa un inizio, si dice che la California sia cominciata da qui.

Partiamo da San Diego, la prima missione francescana in California

Febbraio 2022, si viaggia. Road Trip California; una destinazione sognata, immaginata e dopo due lunghi anni direi meritata.

Non vado in vacanza, ma Viaggio. Fermarmi ad ammirare i luoghi, spostarmi in totale libertà. Vivere la quotidianità delle persone, bere caffè americano e mangiare messicano.

Ho vissuto la California on the road. Un viaggio sulla strada, con una macchina che sarà stata più grande di una scatoletta di tonno. Dopo quindici intensi giorni, la mia personale supercar profumava di cannella, fritto e frutta buonissima della California.

San Diego la quintessenza della vita all’aria aperta in California. Il deserto a est, il confine messicano a sud ed a ovest il Pacifico.La missione di San Diego divenne la prima di 21 missioni sulla costa occidentale della California. Nata nel 1769 come primo insediamento spagnolo in Alta California. Mission Basilica San Diego de Alcalá è stata la prima delle 21 missioni francescane istituite in California. Fu fondata il 16 luglio 1769 da frate spagnolo Junípero Serra in una zona a lungo abitata dal popolo Kumeyaay. Oggi il sito della missione è un punto di riferimento storico nazionale e continua ad essere una Chiesa cattolica attiva.

Questa metropoli è consapevolezza del passato con un’anima nel presente. Nelle strade si commemora la storia americana mentre sulla spiaggia di la Jolla universitari condividono con chiunque la passione per il surf. Non è un caso se mi sono innamorata di questa città.

Martin Luther King e il suo legame con San Diego

Nel 1964, Martin Luther King di fronte a migliaia di studenti universitari di San Diego e dichiarò: “Sono convinto, nel profondo del mio cuore, che usando la non violenza possiamo trasformare la discordia razziale in una sinfonia di fratellanza”.

Nel 1971, il sindaco di San Diego Frank Curran dichiarò il 15 gennaio “Martin Luther King Day” – tre anni dopo che l’icona dei diritti civili fu assassinata e 12 anni prima che Ronald Regan dichiarasse la festa a livello federale.

Il rapporto di San Diego con Dr.King è un legame che si estende fino ai giorni nostri. Visitò la Calvary Baptist Church nel Barrio Logan nel 1962, dove affrontò e denunciò la segregazione razziale. Il suo discorso del 1964 fu tenuto sia alla San Diego State University che alla Point Loma Nazarene University Il Cal Coast Credit Union Open Air Theatre della SDSU ha ora una targa che ricorda questa occasione.

I moderni San Diegans possono trovare tributi al Dr. King in tutta la città. La Martin Luther King, Jr. Promenade del Gaslamp Quarter è un parco lineare fiancheggiato da citazioni e opere d’arte – come “Breaking of the Chains” di Melvin Edwards – che riflettono l’intelligenza, l’energia, l’ottimismo e la saggezza del grande leader americano dei diritti civili.

San Diego e la sua tradizione navale

La base navale di San Diego è il porto principale della flotta del Pacifico, composta da più di 46 navi militari distribuite su 13 moli. La Naval Station è la più grande base militare della costa occidentale gestita dalla Marina degli Stati Uniti

Il cuore del quartiere costiero della città, Marina District, sta nei suoi monumenti commemorativi, dedicati principalmente al tema della guerra e della marina.

USS San Diego Memorial. Il primo monumento che si incontra passeggiando lungo la “Greatest Generation Walk” è il memoriale della nave USS San Diego: commemora il contributo offerto dall’ incrociatore della marina americana e dal suo equipaggio nella vittoria della seconda guerra mondiale. Le grandi lapidi in granito sono posizionate a formare la prua di una nave stilizzata, racchiudendo il disegno dei mari solcati dall’incrociatore.

National Salute to Bob Hope and the Military Memorial. Bob Hope era un comico, cantante e attore britannico, ma che ha sempre vissuto negli Stati Uniti. Sostenne regolarmente le missioni militari USA con la sua arte, in particolare durante la Seconda guerra mondiale. Dopo la sua morte, venne ricordato con questo memoriale che lo rappresenta col microfono in mano mentre parla alle truppe. Le figure in bronzo sono scolpite in uniformi militari autentiche alle varie epoche della carriera di Bob Hope dalla seconda guerra mondiale attraverso la guerra di Corea, la guerra del Vietnam, la guerra fredda e la prima guerra del Golfo Persico.

USS Midway Museum: girare spensierati all’interno di una delle portaerei più famose al mondo? A San Diego si può. Una gigantesca nave-museo  con un hangar di oltre 30 aeroplani perfettamente restaurati. Salire nelle cabine di pilotaggio, esplorare ogni angolo dove i marinai hanno lavorato, dormito, mangiato, giocato, scoprirne le battaglie aere attraverso schermi interattivi è davvero un’esperienza unica.

San Diego rappresenta in pieno lo stile di vita Californiano. Rilassato, spontaneo e semplice. Mi ha lasciato con un sorriso ma soprattutto con la voglia di ritornare per guardare quell’oceano infinito rilassata su una sedia Adirondack di un localino del Seaport Village.


4 thoughts on “San Diego, città ricca di storia ma con uno sguardo al futuro”

  1. I don’t even know how I ended up here, but I thought this post was great.
    I don’t know who you are but definitely you are going to a famous blogger if you aren’t already 😉 Cheers!

  2. After exploring a number of the articles on your site, I really appreciate your technique of writing a blog. I book-marked it to my bookmark webpage list and will be checking back soon. Take a look at my website as well and let me know your opinion.

Comments are closed.